Seleziona Pagina

RICCARDO INGE CI RACCONTA IL SUO “GIORNO DI FESTA”

RICCARDO INGE CI RACCONTA IL SUO “GIORNO DI FESTA”

Parte tutto da un bellissimo ricordo, quello condiviso con il rapper romano Cranio Randagio scomparso da poco. Un ricordo vissuto nella diga del Vajont per le riprese del video di “Cosa resterà di noi”. È così che Riccardo Inge presenta al pubblico il suo nuovo EP.

  • “Giorno di festa” rappresenta la voglia di fare musica liberamente, senza vincoli particolari. Quali sono i vincoli che incontra un musicista?

Si tratta principalmente di pressioni, dirette o indirette, che si subiscono tutti i giorni. La vera fortuna per un cantautore è incontrare qualcuno che sappia amplificare la sua vena artistica e non modificarla secondo il proprio gusto. A prescindere dal diventare famosi o meno, è questo il punto chiave. Nel mio caso, ripartendo da zero e completamente da solo, gli unici vincoli erano le mie scelte. Per questo nell’EP si trovano canzoni diverse, dalla ballata alla canzone più pop fino alla soluzione chitarra e voce. Purtroppo molti format e cliché rendono gran parte della musica italiana una continua riproposizione della stessa cosa, con album che presentano 10 canzoni tutte uguali.

  • “Cosa resterà di noi” è il singolo che vede la partecipazione del rapper Cranio Randagio, recentemente scomparso. Com’è nata la scelta di collaborare con questo artista, molto apprezzato dai giovanissimi?
Ci incontrammo diversi anni fa quando ancora non era uscito con i suoi primi lavori. Ci eravamo ripromessi di collaborare appena fosse stato possibile e l’anno scorso ce l’abbiamo fatta: dopo la sua esperienza a X-Factor gli feci sentire una bozza di ‘Cosa resterà di noi’. Sapevo che a quella canzone mancava un qualcosa che Cranio riuscì a rappresentare con la sua incredibile capacità di dare potenza alle parole.
  • Musica e INGEgneria. Esiste un punto d’incontro tra questi due mondi nella tua crescita artistica?
È la domanda che mi faccio anche io tutti i giorni ed è il cuore del progetto Riccardo Inge. Al momento non ho trovato una risposta. La musica non si racchiude in una formula matematica, e se ci provi sei fritto perché non trovi una soluzione. Non è razionale. Tutto questo crea lo scontro che ho voluto rappresentare con questo progetto e in particolare con il vestito doppio che mi caratterizza. Spero un giorno di trovare un equilibrio, chi ci riesce prima di me, però, mi chiami.
  • Qual è l’ultimo biglietto per un concerto che hai acquistato?
Concerto di Bruno Mars, al Forum a Giugno, non vedo l’ora. Sicuramente uno degli artisti che mi ha influenzato e che apprezzo di più negli ultimi anni.
  • Hai condiviso il palco con grandi personalità della scena musicale italiana (da Alex Britti a Ivana Spagna). Con quale artista italiano sogni ancora di collaborare?
Ce ne sono davvero tanti, ma se dovessi fare un nome direi Jovanotti. Ha la capacità di dare forma alle canzoni proprio seguendo il suo istinto. E se ne vuole fare 30 tutte diverse (come nel suo ultimo lavoro), le fa senza vincoli.

 

 

Circa l'autore

Valentina Sciuto

Valentina Sciuto, appassionata di musica e TV, è grazie a questi due mondi che ha iniziato a muovere i primi passi nelle community online, quando forum e Yahoo Groups aprivano la strada ai social network.

Share This