Seleziona Pagina

Shake: una corsa verso il mare con Giulia Penna

Shake: una corsa verso il mare con Giulia Penna

Si è fatta tanto attendere, ma finalmente è arrivata! Quest’anno l’estate ha la voce di Giulia Penna.

1. Un tempo i tormentoni estivi erano decretati da appuntamenti imperdibili come il Festivalbar. Nel 2019 cosa serve a un brano perchè diventi un tormentone?

L’ingrediente segreto non ce l’ho purtroppo, ma sono dell’idea che d’estate le persone vogliano divertirsi, staccare la mente e catapultarsi al mare quindi il DIVERTIMENTO è secondo me la strada giusta.
Nel mio caso mi diverto e cerco di far divertire anche gli altri =)

2. Descrivi “Shake” in 3 parole.

Coca-zero Ghiaccio e Limone!

3. I social sono il tuo primo vero grande palcoscenico. Come sei riuscita ad emergere in questi canali?

Pubblicando dei video in cui cantavo canzoni conosciute con un testo riscritto a modo mio, in dialetto romano =)
È una cosa che ho sempre fatto sotto la doccia e un giorno ho deciso di pubblicare un video così e da lì è iniziato tutto…. tutt’ora mi diverto a pubblicare i miei “simpavideo” su Instagram.

4. Quale altro palcoscenico ti piacerebbe calcare?

Sogno di calcare TANTI palcoscenici e di fare un tour tutto mio, adoro cantare davanti alle persone!

5. Giulia Penna e la Musica: quando e come avviene questo incontro?

Diciamo che la musica per me c’è sempre stata, ci sono cresciuta e sempre ci sarà.
L’opportunità invece di crearmi una community affezionata a cui ho la possibilità di fare ascoltare le mie canzoni, quella c’è stata in maniera casuale, come tutte le cose belle che meno programmi e più accadono.
A Natale 2016 pubblico il mio primo video sul web, mi sono appassionata e da quel momento non ho più smesso. Qualcuno ha notato quel video ed ho avuto fortuna, quindi eccomi qui. La fortuna aiuta gli audaci, no?

Circa l'autore

Valentina Sciuto

Valentina Sciuto, appassionata di musica e TV, è grazie a questi due mondi che ha iniziato a muovere i primi passi nelle community online, quando forum e Yahoo Groups aprivano la strada ai social network.

Share This